Galleria d'Arte
Raffaella De Chirico

Via Giolitti, 52

Via della Rocca, 19

10123 Torino

Ph +39 011.83.53.57





Henri Chopin

Parigi, 1922 - Norfolk, 2008

Artista visivo, poeta sonoro e visuale, editore, performer, regista e promotore di iniziative artistiche indipendenti, Henri Chopin è stato un imprescindibile riferimento per diverse generazioni di artisti.
Affermando, nel 1990, che “con le ricerche elettroniche la voce è diventata finalmente concreta” e che essa è “portatrice di un corpo che non cessa mai di essere attivo”, Chopin esalta la valenza fisica del suono attraverso l’uso performativo del corpo e delle tecnologie di registrazione e trasmissione. Alla metà degli anni Cinquanta risalgono il suo interesse per la poesia e le prime registrazioni su un magnetofono portatile, dove già è evidente l’attenzione al suono e non ai testi, avviando una sperimentazione che sostituisce alla lingua il linguaggio e alla parola la voce, per raggiungere un caleidoscopio infinito di sonorità vocali.

Condizionato dalle sue personali esperienze biografiche, legate soprattutto alla deportazione in Germania e alla successiva fuga in Russia durante il secondo conflitto mondiale, Chopin sviluppa, però, una poetica che guarda tanto alla poesia visuale quanto a quella sonora. Con gli audiopoemi sperimenta le possibilità della poesia sonora attraverso le manipolazioni e le mescolanze che la tecnologia consente, trattando, sul nastro, la materia fonica che per lui è respiro, eco, riverbero, voce e variazione di velocità. L’altra declinazione della ricerca di Chopin sono i dattilopoemi, una sorta di partitura dattiloscritta in cui il dato visivo si mescola a tessiture fonetiche.
Di fronte agli audiopoemi e ai dattilopoemi il fruitore è incalzato dalla fisicità del suono, che si rende corporeo così come la parte testuale-visiva. Si tratta, dunque, di una duplice sollecitazione, sensoriale e visiva, a cui è sottoposto lo spettatore, dove i lavori ‘non sonori’ non vanno considerati come elemento altro ma come una sorta di incisione su un supporto diverso dal nastro – la carta - che consenta di legare e mescolare i suoni al testo e alle immagini.
Queste tavole sono dei filtri attraverso cui ricavare visioni più accettabili del mondo e della vita; una visione anarchica della realtà e della storia estremamente personale che sostiene un attaccamento alla democrazia, unito ad una avversione profonda per le dittature in nome della libertà.

Mostre recenti:

2016
Vevey, Museo Jenisch, Origines et horizon
Essex, Focal Point Gallery, The Peculiar People
Glasgow, Koppe Astner, SOS
Karlsruhe, Badischer Kunstverein, Concerning Concrete Poetry
Roma, Istituto Svizzero di Roma, Allegro Giusto

2015
Treviso, Galleria L'Elefante
San Paolo, Mendes Wood, Poem n.0000000000000000000000000,9
Tallinn, Kumu Art Museum, Silence d'Or
Zurigo, RaebervonStenglin, Henri Chopin feat. by Supportico Lopez
Berlino, La Plaque Tournante, OU: UR: SOURCE with Maurice Lemaitre, Larry Austin and Henri Chopin

2014
Colchester, Firstsite, Henri Chopin – Dans L’Essex
Los Angeles, Supportico Lopez at Paradise Garage, Go and come back, with Julian Beck, Marco Bruzzone, Henri Chopin, J. Parker Valentine
Altkirch, Crac Alsace, Der Leone Have Sept Cabeças
Londra, Royal College of Art Galleries, …al silent but for the buzzing

2013
Basilea, New Jerseyy, Henri Chopin, Gratte Ciel Hors Commerce
Losanna, lM3, L’Energie Du Sommeil
Berlino, Supportico Lopez, La Crevette Amoureuse
Monaco, Oslo 10, Revue Ou, Poesie Sonore, Poesie Ouverte, Poesie Konjret 1964-1974
Los Angeles, Freedman Fitzpatrick, Homes & Gardens
Londra, Richard Saltoun, Poetry & Performance, with Ida Applebrooh and Gina Pane
Berlino, Kunstsaele Berlin, Anton Voyls Fotrgang/A Void, with Guy De Cointet and Channa Horwitz
Melbourne, Gertrude Contemporary, Vocal Folds
Roma, Supportico Lopez presso Galleria Frutta, Die dritte Dimension, with Natalie Hausler, Giulio Delvé, Maria Adele Del Vecchio

2012
Bruxelles, Argos, Revue OU – Cinquième Saison: An Anthology of Sound Poetry
Edimburgo, Summerhall, OU OU OU: Henri Chopin et revue OU
New York, Simone Subal Gallery, It’s When It’s Gone That You Really Notice IT
Melbourne, Deakin University, Face to Face

2011
Porto, Fundaçao de Serralves Porto, Henri Chopin and the OU Magazine
Antwepa, M HKA, Neonlicht#1 – Henri Chopin in het archief Paul De Vree

2010
Berlino, Supportico Lopez, In Neapel
Bruxelles, Dépendance, NOVEL




Henri Chopin
AUTORIZZAZIONE UTILIZZO COOKIE
Ok Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies. Maggiori informazioni