LAWAND. LA TRAVERSÉE DU JAUNE

Dal 09/02/2012 Al 18/03/2012

Raffaella De Chirico è lieta di annunciare questa mostra personale di Lawand, di origine curda nato a Rakka, in Siria nel 1984, prima esposizione dell’artista in Italia. Vive in Francia dall’età di 10 anni, quando la famiglia raggiunge il padre, anch’egli pittore già noto e poeta, ad Angers. È questa dunque la matrice che avvicina Lawand all’arte pittorica, frutto della frequentazione dell’atelier paterno, dal quale si allontanerà in età adolescenziale per trovare un suo personale linguaggio.

Circa trenta opere in mostra, oli su tela e disegni, illustrano un percorso artistico di anni recenti.
Scrive Jacki Essirard della pittura di Lawand “…pensiamo agli espressionisti, ma le deformazioni messe in atto da Lawand sono piuttosto immateriali. Cita volentieri Egon Schiele, Lucien Freud, Francis Bacon, Giacometti ma la sua pittura trascende dalla rappresentazione e trascende i corpi, utilizzando la materia nel suo stato instabile e vibrante”.
Figure verticali che sembrano venirci incontro come proiezioni di immagini mentali, fissate su tele sia di importanti dimensioni (cm 149 x 114 e cm 116 x 89) sia di superfici di dimensioni più raccolte (cm 35 x 27 e cm 65 x 54) trovano collocazione nel salone centrale della galleria De Chirico, mentre le salette laterali, più intime fanno da foce ad una cospicua produzione di disegni e di inchiostri colorati su carta, di varie dimensioni.

Lawand ha affiancato l’attività pittorica alla ricerca di altre tecniche espressive, interessandosi sia alla danza contemporanea facendone scaturire delle performance, sia alla poesia, declinando la sua produzione artistica alla realizzazione di libri d’artista. I poeti Michaux, Ghérasim Luca, Guillevic e Adonis hanno un ruolo fondamentale nella sua formazione, nonché i poeti contemporanei Antonie Emaz, Bernard Noël, Jean-Claude Schneider, Yves Bonnefoy con cui ha stretto diverse collaborazioni. Il dialogo invece con Djalal al-dîn Rûmi e Omar Khayyâm oltre a consolidare le radici culturali di Lawand legate al mondo arabo, ha probabilmente evidenziato l’esigenza di sottolineare la condizione attuale della pittura e dei personaggi legati al mondo della cultura in Siria. A Lawand è infatti proibito rientrare nel suo Paese di nascita, anche per brevi periodi.

Esposizioni personali recenti:
Galerie Alain Rouzé, Nantes (2010)
Fondazione Estrée, Ropraz, Svizzera (2010)
Adel Gallery, Lione (2010)
Galerie Naclil, Lille (2011)
Galerie Art Espace 83, La Rochelle (2011)
Galerie Jacques Lévy, Paris (2011)

Esposizioni collettive recenti:
Galerie Serge Grard, Fenin Neuchâtel, Svizzera (2011)
Lille Art Fair, Lille (2011)
Galerie Bourreau Ravier, Noirmoutier en l'île (2011)

Bibliografia :
Flirt avec la mort, Tallal Mualla (prefazione), [catalogo d'esposizione], Kalemat art and Puplisher, Aleppo, 2007.
Peintures, Jacky Essirard (testi), [catalogo d'esposizione], pubblicato dal Conseil général de Maine-et-Loire, 2009.

Libri d'artista :
Devenir transparents, testo poetico di Jacky Essirard, interventi pittorici originali di Lawand, Edizione Atelier de Villemorge (Francia), 2007.
Pierres noires, testo poetico di Jacky Essirard, interventi pittorici originali di Lawand, Edizione Atelier de Villemorge (Francia).
Hérissé, testo poetico di Jean-Claude Schneider, interventi pittorici originali di Lawand, Edizione Atelier de Villemorge (Francia), 2009.
Nada, testo poetico di Antoine Emaz, interventi pittorici originali di Lawand, Edizioni Approches, Rennes (Francia), 2009.

Mostre Arte Torino



Mostre Arte Contemporanea Torino
AUTORIZZAZIONE UTILIZZO COOKIE
Ok Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies. Maggiori informazioni