Galleria d'Arte
Raffaella De Chirico

Via Giolitti, 52

Via della Rocca, 19

10123 Torino

Ph +39 011.83.53.57





Paolo Peroni, Sudari da Caccia

Dal 10/06/2013 Al 21/09/2013

La Raffaella De Chirico Arte Contemporanea è lieta di presentare la mostra personale del giovane e promettente artista Paolo Peroni in un allestimento che esporrà le tappe della coraggiosa e audace evoluzione intrapresa sino ad oggi, raccontata e sviscerata nella profondità della propria essenza dal testo critico di Francesco Poli.
Peroni muove la propria ricerca creativa tra mondo naturale e artificiale, avente l’uomo come tramite ed elemento in continuo divenire.
L’artista lavora per cicli tematici, sottesi da un comune leit motiv. Le opere raccontano in modo diverso ma ugualmente incisivo i concetti espressi dalla sua arte, un’intensa riflessione sulla tensione esistente tra il singolo, il gruppo e l’ambiente esterno, dal singolo individuo in relazione alla società, all’elemento di base del mondo naturale in relazione al suo habitat.
Attraverso il gioco di queste corrispondenze, le opere di Paolo Peroni suscitano nell’osservatore
una tacita vicinanza: un innato senso di consapevolezza e appartenenza al mondo profondamente umano. Interessante è anche il mezzo espressivo utilizzato dall’artista che non risulta immediatamente riconducibile all’idea da cui nasce il lavoro.
Bios, Gentipo&Fenotipo, Il tumore degli alberi, Morfogenesi, raccontano un’ inesausta e viscerale ricerca concettuale e materiale, elementi indistinti all’occhio ma ricchi di studi, capacità e rielaborazione. Paolo Peroni aderisce alla figura dell’ artista-artigiano, soggetto in cui mente e mano trovano un’ideale congiunzione, massima espressione di qualità e abilità complementari, necessarie l’una all’altra.

Bios, opere in metacrilato termoformato, esposte per la prima volta presso la Project Room della Raffaella De Chirico Arte Contemporanea tra Giugno e Settembre del 2012, rappresentano una produzione sensuale di contenuti, resistenze e contestazioni, le quali proliferano, si manifestano e vengono assimilate nei “regimi di verità”.
Il ciclo in oggetto si costituisce quale espressione del nostro bios politikos, manifesto di un desiderio positivo che ci spinge ad esporci, motori di cambiamento poiché, senza la pratica della resistenza, senza la produzione dal basso di forme vitali o soggetti che rifiutano di “piegarsi” al sistema corrente, non sarebbe possibile incidere un cambiamento che induca alla trasformazione economica e politica della società e di noi stessi. Ogni BIOS comunica il desiderio positivo che spinge l’uomo ed ogni elemento vivente ad esporsi in una lotta continua e plasmante, direttamente connessa al suo ecosistema.

Genotipo&Fenotipo è un ciclo di opere costituito da due tipologie di immagini sovrapposte:
la prima è quella di una cellula osservata al microscopio, la seconda è quella di
una città vista dal satellite. Attraverso l’unione dei suddetti elementi, Paolo Peroni, apre una riflessione sulla sociobiologia, scienza che rivolge il suo studio alle basi biologiche che determinano il comportamento sociale. Genotipo&Fenotipo e ambiente: interazione e trasformazione reciproca a tre voci, dove, la variazione fenotipica incide sull’evoluzione per la selezione naturale.
E se l’ambiente partecipa e diviene elemento fondamentale di questo ciclo, anche la biopolitica ne entra a far parte, intesa come rete di poteri che gestisce le discipline del corpo e le regolazioni delle popolazioni.
L’uomo non è più determinato unicamente dal proprio patrimonio genetico e dal fenotipo che si costituisce nel corso della vita vissuta, ma questa varia e modifica individuo e massa in conseguenza dell’incontro con la sfera del potere. Incontro, o meglio, irruzione del bio-potere.
Gli antitetici elementi di bios e zoé, la dicotomia tra vita singolare e vita della specie, viene quasi a smarrire la secolare contrapposizione, assoggettata da e ad un potere più grande e schiacciante.
La vita, nella sua nudità, quasi privata del proprio volto biologico, si costituisce involontariamente come ideale terreno di azione del potere sovrano, precursore e anticipatore dell’imperante controllo biopolitico.

Il tumore degli alberi: opere esposte per la prima volta alla seconda edizione di The Others Art Fair 2012, poggiano su una base concettuale similare al pensiero fondante del ciclo Genotipo&Fenotipo. Sono veri e propri calchi delle masse tumorali degli alberi accostati a serigrafie che raccontano per immagini ciò che il calco in gesso rappresenta.
L’albero, elemento naturale puro ed incontaminato nella sua totale adesione ed accettazione del territorio, ne registra con fedeltà lo stato di cose. Si fa specchio sincero del mondo circostante, dichiarandolo attraverso la propria presenza e forma.
I fusti esplodono nel pieno dissenso e le masse tumorali della corteccia prendono a manifestare una forte e decisa soggettività. La malata quotidianità racconta di sé con la voce della patologia, espressione di un’assoggettazione sovrana a cui il cancro del tronco si oppone fiero e saldo nonostante lo stato degenerativo che ne mina la vita stessa.
La natura torna ad essere esempio e appello alla resistenza. Esplicita, attraverso la propria forma deformata, la necessità di una lotta alle pratiche sociali e alle relazioni di potere che governano esistenze ignare.
La malattia dell’albero si staglia quale manifesto, invita al raggiungimento di una libertà, alla creazione di una libertà intesa come tale nella sua vera essenza. Contempla pratiche di ascesi e si vota alla costituzione di una nuova coscienza morale collettiva.

Morfogenesi: è l’ultimo lavoro elaborato da Paolo Peroni, esposto a The Others Art Fair 2012 insieme alla ricerca sul tumore degli alberi. I differenti cicli realizzati dall’artista, rivelano una comune e salda piattaforma concettuale che sottende l’intero percorso intrapreso da Peroni, sviscerata e approfondita in ogni sfaccettatura e possibilità, sondata alla radice del proprio essere.
Morfogenesi si lega strettamente a Bios, vicinanza riconoscibile su due livelli di lettura: quello estetico in cui la similarità è denunciata dai rilievi ottenuti, in entrambe le ricerche, dalla termoformatura dei fogli di polimeri e, in secondo luogo, a livello significante, spazio in cui la ricerca su resistenze e contestazioni torna ad essere protagonista.
Le opere del ciclo Morfogensei manifestano un’opposizione alla normalità, insorgono contro la norma vigente. La normalità è combattuta ma assente. La lotta si avvia a partire dall’opposto, dal patologico, elemento necessario e ideale a svelare la normale funzionalità dell’organismo. Il malato mette a nudo ciò che universalmente si assume come sano e lo combatte, innescando un rovesciamento dei cosiddetti valori. Ne scaturisce una circostanza in cui l’assenza della norma biologica non è assenza, non è mancanza né negatività, bensì norma altra e soggettiva, norma che non aderisce a schemi dettati a priori e dati come certi e “per tutti”.



Sede: Raffaella De Chirico Arte Contemporanea

Durata: dal 10 Giugno al 21 Settembre 2013, con pausa estiva in agosto
Inaugurazione: lunedì 10 Giugno, 7.00 pm

Orari: da martedì a venerdì dalle 14.30 alle 21.00
sabato dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30
Chiuso il lunedì, domenica su appuntamento.

Mostre Arte Torino



Mostre Arte Contemporanea Torino
AUTORIZZAZIONE UTILIZZO COOKIE
Ok Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies. Maggiori informazioni