Galleria d'Arte
Raffaella De Chirico

Via Giolitti, 52

Via della Rocca, 19

10123 Torino

Ph +39 011.83.53.57





LA REPUBBLICA | Installazioni in forma di situazioni

17/03/2016

Le opere di Malachi Farrell sono installazioni in forma di situazioni, a cui lo spettatore assiste. Sono opere di corpo e voce. Raccontano storie e fatti. Farrell parte dagli oggetti, che prende e plasma. Cose povere e comuni, che si animano in macchine cinetiche ed elettroniche. Batterie di pentole che cantano canzoni hezbollah, casette degli uccelli che si aprono e mostrano meccanismi rotanti di orologi al ritrmo dei Queen remixati dai Public Enemy, grappoli di scarpe la cui punta è a una bocca da cui esce la voce di Peter Sellers che canta "Strange Fruits" di Billie Holydays. Non risparmia nessuno Farrell, come quando al Centre Pompidou ha presentato O' Black (Atelier Clandestin), un laboratorio di sartoria clandestino che rimbombava del rumore di un aereo in picchiata, evocando i bombardamenti della seconda guerra mondiale, e le sedie tremavano e le macchine da cucire battevano impazzite: esattamente quello che accadeva attorno al centro di arte contemporanea, nel cuore di Parigi, piena di clandestini, di lavoro nero e sfruttamento. Arte, mondo, non chiudete gli occhi.

Galleria Arte Contemporanea Torino



Galleria Arte Contemporanea
AUTORIZZAZIONE UTILIZZO COOKIE
Ok Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies. Maggiori informazioni